Società di demolizioni: tecnologie e attrezzature

società di demolizioni

Una società di demolizioni rappresenta un business interessante perché, nonostante il luogo comune che aleggia sul rottamaio auto, può operare su vari livelli in modo profittevole.

Di fatto una società di demolizioni autorizzata diventa un centro di raccolta di tutti quei veicoli dismessi che rappresentano una vera e propria minaccia per l’ambiente a causa dei materiali pericolosi che contengono all’interno (olio lubrificante, liquido dei freni, batteria al piombo, convertitori catalitici e molto altro).

La distruzione fisica delle auto vecchie e fuori uso permette di eliminare veicoli inquinanti, recuperare pezzi di ricambio funzionanti e autoaccessori usati in ottimo stato per rivenderli e smaltire adeguatamente materiali altamente inquinanti.

Centro demolizione autorizzato

Tutte le informazioni riguardanti l’attività di autodemolizione a Como come in altre città fanno riferimento a una società di demolizioni autorizzata o meglio un centro di trattamento che opera nel pieno rispetto della Direttiva 2000/53/CE (disposizioni su raccolta, stoccaggio, gestione, smantellamento e riutilizzo dei veicoli fuori uso).

Tecnologie e attrezzature di una società di demolizioni

Un centro di autodemolizione in Lombardia e in tutte le altre regioni italiane deve godere di tecnologie, attrezzature e personale qualificato per operare al meglio secondo le normative vigenti.

In linea generale un centro demolizioni autorizzato non è fatto soltanto di sollevatori, scaffalature, ponti, dispositivi smonta-gomme, nastri trasportatori e macchine per la movimentazione dei rottami.

Un autodemolitore in regola deve disporre di un carroattrezzi per occuparsi del trasporto di quei veicoli incidentati o mal messi che non possono raggiungere la sede, deve essere dotato di due aree idonee in modo da separare i veicoli in attesa di bonifica dai mezzi bonificati, deve allestire una stazione di bonifica di tutti i liquidi dei veicoli ritenuti potenzialmente contaminanti e deve fruire di attrezzature valide per separare i vari componenti e agevolarne il riciclaggio.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *