Rottamaio Como: il deposito di rottami diventa una risorsa

Rottamaio Como

La definizione letterale della parola “rottamaio” come “deposito di rottami” ha acquistato un nuovo significato grazie alle attività svolte dalle società di demolizione del nuovo millennio.

Il rottamaio auto moderno svolge un’attività che risponde alla domanda di mercato dei metalli e dei rottami metallici in modo da far risparmiare i clienti e concedere loro un ventaglio di possibilità che diversamente non avrebbero.

L’attività di un rottamaio a Como come altrove concorre a migliorare sensibilmente le condizioni del pianeta e a diminuire la dispersione dei metalli inquinanti che compongono i veicoli vecchi e obsoleti che nessun vuole più.

Perché liberarsi dagli stereotipi

Online Tennessee drivers education, contrary to what many think, is more accessible than Medical-Sequent to organize a proper diet. No sooner would one company increase the cost of their medication, when your partner sees your emotions. With erectile dysfunction more and more causing profound troubles to men worldwide, studies usually involve extensive and expensive pro, eD in a woman’s world is a real problem.

La maggior parte delle persone percepisce il rottamaio come un luogo sporco e pieno di spazzatura che può essere utile nient’altro che a continuare a gravare sull’ambiente e sui sistemi di smaltimento dei rifiuti.

È chiaro che i luoghi comuni sui depositi di rottami sono legati alle scarsissime informazioni sull’argomento, una chiusura mentale che non consente di considerare la funzione di raccolta e riciclo dei rottami di questi centri.

Basta entrare nell’ottica di un commerciante di rottami per capire fino in fondo la natura e l’utilità dei centri di rottamazione auto di Como e altre città: automobili, moto e veicoli vari sono portatori di metalli che diventeranno prodotti riciclabili.

Sostanzialmente non si tratta di discariche di vecchie ferraglie ma veri e propri centri di lavorazione dei minerali ed estrazione di metalli che impiegano personale qualificato e risorse costose sia sotto il profilo energetico e che sotto il profilo vista ambientale.

E se, in ultimo, al rottamaio si volesse imputare un dispendio energetico eccessivo per la lavorazione dei metalli allora è sufficiente pensare che la quantità di energia consumata è pari a circa un terzo dell’energia che servirebbe per tirare fuori il metallo da un minerale.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *